Commenta i miei post, ti risponderò

LE MIE PASSIONI

La mia prima passione è la politica che occupa gran parte del mio tempo libero dal lavoro. Per me agire in politica significa incidere, modificare le cose, cambiare le leggi per andare incontro alle esigenze della società e per trasformare la società stessa. Significa prefigurare il futuro, anticipare i tempi e aprire la strada alle innovazioni. Con la politica si può incidere in positivo nella vita delle persone aprendo spazi di libertà e responsabilità. E’ la politica che dovrebbe risolvere le tante situazioni di conflitto che opprimo intere popolazioni soggiogate da dittature o regimi autoritari.

La mia seconda passione riguarda tutto ciò che concerne la Natura, i suoi equilibri e le sue infinite sfaccettature. Sono un grande osservatore dei fenomeni naturali e la mia notevole capacità di analisi è inversamente proporzionale a quella di memorizzare l’ubicazione di un negozio o di un centro commerciale. Studio i fenomeni e li analizzo. Ho la fortuna di lavorare come studioso del suolo a stretto contatto con alcuni degli aspetti più interessanti degli ecosistemi. Nel mio agire politico spesso metto in collegamento le mie competenze in ambito ambientale con la possibilità di produrre nuove proposte politiche.

Fin da bambino sono stato affascinato dal mondo che gravita attorno ai funghi ed è per questo che in modo quasi maniacale li fotografo, li classifico, li catalogo con l’obiettivo di censire al massimo livello possibile la flora fungina di determinate aree del territorio che frequento. Conoscere la biodiversità significa conoscere un pezzo di noi stessi. Ad oggi le zone sulle quali mi sono maggiormente concentrato sono la Collina di Torino e l’Appennino tosco-emiliano, nel quale ben salde affondano le mie radici.

A tempo perso scrivo favole e racconti. Nel 2014 ho pubblicato per i tipi di Andromeda il mio primo libro “Come le pietre raccontano. La grande favola dell’Appennino”, a cui ha fatto seguito, nel 2016 dallo stesso editore, “L’acqua vuole la sua parte. La grande favola dell’Appennino vol. 2″.

Privacy Policy Copyright © 2018 Igor Boni
Powered by Hypermedia Service