Commenta i miei post, ti risponderò

Monthly Archive

Vagone di Primo Levi:
vogliamo un Giorno della Memoria
lungo settanta giorni!

In risposta agli insulti di Luca Rinaldi, Responsabile della Soprintendenza dei beni culturali e paesaggistici, nei confronti di Silvio Viale (definito “Un esempio di fascismo di sinistra”) il Segretario e Presidente dell’Associazione radicale Adelaide Aglietta Giulio Manfredi e Igor Boni hanno rilasciato la seguente dichiarazione:

“Se vi erano dubbi dopo le prese di posizione contro la presenza del vagone di Primo Levi per quasi tre mesi in Piazza Castello, con l’insulto di oggi a mezzo stampa contro Silvio Viale il Dott. Rinaldi esce allo scoperto per quello che è. Noi riteniamo che non ci sia nessuna offesa al decoro, che non ci sia nessuna pagliacciata e che non sia una baracconata lasciare il vagone in Piazza Castello per tutta la durata della mostra. Legittimo pensare diversamente; un po’ meno attaccarsi in questo caso alla necessità di regolamentazione nell’uso delle piazze storiche dopo che abbiamo visto in quelle piazze di tutto: mercatini, palchi megagalattici, manifestazioni di ogni genere, strutture improbabili (vedi foto di esempi vari qui sotto, fonte Gabo su Torino, blog di Gabriele Ferraris).
Orrore1Orrore3Orrore4Orrore2
Nella vita normale da Rinaldi si pretenderebbero delle scuse quando accusa di fascismo Viale ma in questo caso ci limitiamo ad invitarlo a pensare prima di parlare dato che, lo ribadiamo, Auschwitz interferisce con l’asse prospettico del novecento e di tutta la storia recente molto più di quel vagone in Piazza Castello.
La nostra comunque resta una forte richiesta politica: il sovrintendente modifichi la sua decisione per permettere, con il vagone in piazza fino al 6 aprile, un “Giorno della Memoria lungo 70 giorni”.

Read More »

Con le forze di Ipla e forestali
nasce l’Agenzia regionale
delle foreste e del territorio

rabbia1_co22
Da quando ho assunto l’incarico di Amministratore Unico dell’IPLA ho avuto chiaro che l’obiettivo era quello di individuare una strada di riforma che potesse garantire la continuità del lavoro e del contributo tecnico che abbiamo dato in un nuovo contesto societario e in una nuova realtà sociale, territoriale e legislativa.
L’esigenza deriva dalla necessità di adeguare la nostra struttura, dopo 35 anni di vita, alle nuove esigenze della Regione e alle nuove norme europee e nazionali.
Con la Giunta Chiamparino fin da subito abbiamo proposto di ragionare concretamente sulla costruzione di un nuovo ente, di un nuovo contenitore, che mettesse insieme due realtà (quella legata ad operai e impiegati forestali con IPLA SpA).
L’assessore al Bilancio Aldo Reschigna non solo ha recepito tale proposta facendola propria ma ha dato chiare indicazioni su come procedere ed è per questo che oggi, dopo mesi di intenso lavoro, siamo arrivati ad una svolta.
L’approvazione della legge 67/2015 (Provvedimenti per la riqualificazione della spesa regionale) ieri da parte del Consiglio regionale contiene al suo interno un articolo nel quale si impegna la Giunta, entro il prossimo giugno, alla creazione dell’Agenzia delle foreste e del territorio della Regione con i dipendenti di IPLA e gli operai e impiegati forestali è il primo passo fondamentale per arrivare all’obiettivo.
Alla fine dell’ottobre scorso, in coordinamento con i dirigenti e funzionari regionali competenti, abbiamo redatto un approfondito documento che delinea le ipotetiche linee d’azione della nuova Agenzia definendo un risparmio per le casse regionali che raggiunge annualmente i 3 milioni di euro entro pochi anni, anche grazie ad incarichi e progetti che potranno arrivare da altri committenti (una cifra senza dubbio significativa in questo periodo di ristrettezze economiche).
Se a tutto ciò si aggiunge il potenziale d’azione sulla protezione dal dissesto idrogeologico, il miglioramento della gestione forestale e dei vivai regionali, l’aumento di capacità di utilizzo dei fondi europei e il mantenimento, migliorandolo, delle azioni che IPLA svolge attualmente in campo ambientale e sulla pianificazione territoriale, credo si comprenda appieno la portata della riforma.
Oltre ad andare incontro alla necessità di ridurre gli Enti e a contenere la spesa si otterrà potenzialmente maggiore efficienza e migliori servizi in questo campo a favore dell’intera cittadinanza.
Un esempio che potrebbe essere seguito anche da altre realtà regionali che dovrebbe divenire volano per l’economia dei territori rurali, non in concorrenza con il mondo delle imprese e dei professionisti ma in piena alleanza d’intenti.
Se il risultato andrà in porto dipenderà da noi e dalla nostra volontà e capacità di cambiamento.
Alla fine del processo nulla sarà come prima e questo per me è un bene; i fasti del passato li ricorderemo con orgoglio senza troppa nostalgia se sapremo trovare nuovi ruoli al passo con le necessità dei tempi che cambiano.
In più il compito essenziale di gestire il 40% del territorio piemontese oggi coperto da boschi – spesso lasciato a sé stesso e al degrado – è essenziale, perché è da quei territori e da tutte le aree agricole che potrà arrivare una parte della spinta per l’auspicata ripresa economica della nostra Regione.
Con tali convinzioni ritengo che il nostro contributo sia essenziale e necessario e fino alla fine del mio incarico, ossia il 30 aprile 2015, mi impegnerò per portare a termine la transizione con successo.

Read More »

Delegazione Radicali-Pd in visita
al carcere Lorusso e Cotugno di Torino

carcere vallette

Si è svolta nella mattinata di lunedì 19 gennaio una visita al Carcere Lorusso e Cotugno di Torino di una delegazione formata tra gli altri da Paola Bragantini (Deputata del Partito Democratico) e Igor Boni (Presidente dell’Associazione radicale Adelaide Aglietta).
La delegazione, accompagnata dal Direttore Domenico Minervini, ha visitato la parte della struttura dedicata alle donne.
Ad oggi sono presenti 1240 detenuti. Il dato è in leggero aumento rispetto all’autunno del 2014 ma in netta diminuzione rispetto agli anni passati dove si sono toccate punte di oltre 1500 presenze. La capienza regolamentare è di 1125. Le donne attualmente presenti sono quasi 100. Il 38% dei detenuti non è “definitivo”. Le celle contengono uno o due detenuti al massimo e l’apertura delle stesse è garantita per 8 ore giornaliere come previsto dalla sentenza europea.

Dichiarazione di Paola Bragantini e Igor Boni:
“Ringraziamo innanzitutto il Direttore per la cortesia e lo spirito di iniziativa che ha consentito alla struttura di riaprire importanti attività come quella della panificazione che entro gennaio vedrà l’inaugurazione di un punto vendita in centro città. La diminuzione delle presenze rispetto al passato, pur se in percentuale minore rispetto ad altre strutture piemontesi, garantisce ad oggi una programmazione migliore delle attività e una migliore organizzazione. La disponibilità dimostrata dal Direttore nell’aprire cantieri di utilità sociale, con l’utilizzo di detenuti a titolo gratuito in lavori di manutenzione del verde, meriterebbe una pronta risposta da parte delle istituzioni cittadine che auspichiamo. Il lavoro infatti resta l’elemento essenziale per garantire un vero processo di integrazione e reintegrazione sociale. L’apertura giornaliera delle celle (a parte la pausa dedicata al pranzo) consente una responsabilizzazione dei detenuti e un approccio più costruttivo nel lavoro degli agenti di Polizia penitenziaria i quali continuano ad essere sottorganico anche se i dati a tal riguardo sono in miglioramento rispetto alla carenza inaccettabile di alcuni anni addietro. Nel complesso abbiamo trovato una struttura che, a parte alcune carenze che necessiterebbero di interventi di manutenzione (docce, impianti idrici), si trova in condizioni migliori rispetto alle ultime visite effettuate. Il sopralluogo all’interno dell’area dedicata alle donne ha consentito di verificare il cambio di tendenza in atto. La presenza dei figli, che oggi è limitata ai tre anni di età dei bambini, vedrà nell’immediato futuro l’apertura di un progetto (ICAM – Istituto di Custodia Attenuata Madri) che mira al mantenimento dell’unione con le madri recluse fino ai sei anni di età in aree aperte, dove poter svolgere attività ricreative senza presenza di sbarre”.

Read More »

#JeSuisNigérien: le immagini del flash-mob a Torino
per chiedere lo stop ai crimini in Nigeria

B7jFf5AIgAAogwo
Idee per Torino e Associazione radicale Adelaide Aglietta hanno lanciato un Flash-Mob a Torino sabato 17 gennaio (alle ore 12 in Piazza Castello di fronte a Palazzo Madama) per chiedere alla Comunità internazionale di intervenire in Nigeria per fermare il massacro di civili.
I partecipanti si sono stesi a per terra con cartelli al collo #JeSuisNigérien a rappresentare le migliaia di morti innocenti di questi ultimi giorni. Il presidio, che era aperto a tutti i cittadini e a tutte le associazioni e partiti, ha visto una buona partecipazione e ha avuto una notevole eco sui media, tv, agenzie e giornali. Qui sotto una raccolta di foto dell’evento.

Dichiarazione di Nicoletta Gazzeri (Presidente di IdeexTorino) e Igor Boni (Presidente Associazione radicale Adelaide Aglietta):
“La violenza delle persecuzioni in Nigeria compiute dall’organizzazione fondamentalista Boko Haram sono veri e propri crimini contro l’umanità che devono essere fermati e perseguiti. La risposta della oceanica manifestazione di Parigi ha dimostrato che è possibile reagire a crimini efferati che mettono a rischio la nostra vita e le nostre libertà. Quello che accade tutti i giorni in Nigeria, con esecuzioni sommarie di massa, civili trucidati e bambini fatti esplodere come bombe umane per compiere stragi e massacri deve produrre una reazione altrettanto forte anche qui, in Europa, in Italia, a Torino. Per questo chiediamo a tutti di manifestare con noi stesi per terra, per dare voce al grido di aiuto che giunge dall’Africa, per dare corpo ad una rivolta civile contro la violenza”.
10407670_10152956387994336_207263653725337457_n
10930919_10205728417279153_4218192727353873447_n
10540563_10205728417559160_5863990537604405151_n10931320_10152956387864336_3681389050764489116_n10406894_10152956388089336_3394749437976580245_n988849_10205880957080585_131915568617378597_n10388192_10205880956640574_8355486603312486206_n10929902_10205880956440569_2492857638598640987_nB7jFf5FIEAEkf-o10922417_503511269791031_6841012767872063207_n

Read More »

Cosa aspetta il Comune di Torino
a dare il via libera al nostro referendum
contro il consumo di suolo?

ipla4-10-2014-11
(un’immagine dell’Open Day che si è svolto all’Ipla di Torino lo scorso 4 ottobre 2014 per informare i cittadini su funzioni e proprietà dei suoli e sui rischi del loro consumo senza adeguato controllo)

Dichiarazione di Igor Boni (Presidente Associazione radicale Adelaide Aglietta):
“Sono oltre 10 anni che ci battiamo affinché il tema del consumo di suolo diventi oggetto di azione politica e legislativa a livello nazionale e regionale e oggi non possiamo che essere contenti dell’annuncio dell’Assessore Giorgio Ferrero e di Sergio Chiamparino della volontà di presentare un testo di legge che miri alla protezione dei preziosi suoli piemontesi. Colgo l’occasione di questa giornata positiva per sollecitare con tutta la forza di cui sono capace il Consiglio comunale di Torino affinché finalmente venga dato il via libera al nostro referendum consultivo contro il consumo di suolo. Dato che, con di tutta evidenza, sono i Comuni con i loro piani regolatori che possono fare molto (nel bene e nel male) occorre che il capoluogo piemontese invii un segnale di attenzione. Il voto nella prossima primavera di questo referendum sarebbe l’occasione per cambiare verso anche sulle tematiche ambientali e darebbe l’occasione a molti cittadini di essere informati sulle funzioni e proprietà dei suoli. Si scoprirebbe così che un quarto della biodiversità del pianeta risiede nei suoli e che già oggi la cementificazione ha eliminato una parte importante di quelli più produttivi. Si scoprirebbe che una delle principali cause dei disastri dovuti alle piogge sono causati dall’erosione e dall’eccesso di edificazioni e cemento. Si scoprirebbe che il patrimonio di fertilità dei suoli è messo a rischio da politiche dissennate che per decenni hanno considerato il suolo un mero supporto da utilizzare e consumare senza pensare alle generazioni future.”

Read More »

“JE SUIS CHARLIE”
Contro intolleranza e terrorismo
quotidiani e siti di news aprite così

144635394-9b2d2609-80cb-4b96-9f9c-ae08564fc9fb
(l’ultima profetica vignetta di Charlie Hebdo)
Dichiarazione di Igor Boni e Giulio Manfredi (Presidente e Segretario Associazione radicale Adelaide Aglietta):
“Di fronte a crimini di questa efferatezza e ai terroristi di ogni risma e colore politico o religioso non si china la testa. Con questo spirito chiediamo a tutti i quotidiani italiani (e non solo italiani) e a tutti i siti di informazione di aprire le prime pagine con la scritta “JE SUIS CHARLIE” o con le vignette satiriche di Charlie Hebdo.
Noi l’abbiamo già fatto sul nostro sito www.associazioneaglietta.it e sulle nostre pagine facebook e twitter”.

Read More »
Privacy Policy Copyright © 2018 Igor Boni